Kazan
Benvenuti a Kazan, città che ha ospitato le partite della Confederations Cup 2017 e città ospitante dei Mondiali 2018 di calcio!

Kazan è una delle più grandi città russe, situata sulla riva sinistra del Volga. Questa città sorprende per i suoi contrasti: coesistono pacificamente minareti musulmani e monasteri cristiani, antiche fortificazioni e la città della scienza "Innopolis".


Non è la prima volta che la città ospita importanti eventi sportivi: a Kazan nel 2011 si sono disputati i campionati europei di sollevamento pesi, nel 2013 la XXXII Universiade estiva, nel 2015 i Mondiali di nuoto e nel 2017 la Confederations Cup.
©Sputnik/Sergey Guneev/Cremlino di Kazan
Esistono almeno otto versioni sull'origine del nome della città.

La leggenda più popolare racconta che i futuri residenti di Kazan prima della sua costruzione erano andati da un mago, che aveva consigliato di trovare un posto dove l'acqua che sgorga dal terreno bolle da sola. Alla fine un posto simile venne trovato sulla riva del Lago Kaban, dove sorse la nuova città.

Secondo altre versioni, il nome della città proveniva da un paesaggio locale che ricordava un calderone.

La data di fondazione di Kazan è considerata il 1005. Pertanto la storia della città ha più di mille anni, motivo d'orgoglio degli abitanti del posto.

Attraverso la città si snodavano molte rotte commerciali che collegavano l'Oriente e l'Occidente.
Nel 1552 le truppe dello zar russo Ivan il Terribile conquistarono Kazan e distrussero la maggior parte degli edifici, trasferendo forzatamente gli abitanti sulle rive del lago Kaban. A Mosca in onore della vittoria è stata costruita la Cattedrale di San Basilio il Beato, uno dei monumenti più famosi dell'architettura russa.
1. ©Sputnik/Maksim Bogodvid/Veduta della Cattedrale di Pietro e Paolo (in primo piano), la torre Spassky del Cremlino di Kazan (al centro) e la moschea Qol-Şärif
2. ©Sputnik/Maksim Bogodvid/Moschea Apanaevskaya, monumento dell'architettura religiosa tatara della seconda metà del XIX secolo
3. ©Sputnik/Roman Kruchinin/Centro della famiglia "Kazan"
4. ©Sputnik/Roman Kruchinin/Veduta della moschea Qol-Şärif, torre Spassky del Cremlino di Kazan e Cattedrale di Pietro e Paolo (da sinistra a destra) a Kazan
5. ©Sputnik/Maksim Bogodvid/Palazzo del Presidente della Repubblica del Tatarstan a Kazan
6. ©Sputnik/Maksim Bogodvid/Museo Nazionale della Repubblica del Tatarstan
Nel XVIII secolo la città divenne il centro formativo e culturale della regione del Volga, e nel XIX secolo divenne un importante centro scientifico.

Nel 2005 la città non ha badato a spese per le celebrazioni del millennio, per cui sono state costruite la metropolitana di Kazan, il ponte "Millennium" e numerose altre strutture.

Nel 2013 Kazan è stata teatro delle Universiadi estive, con l'edizione più grande per numero di partecipanti e numero di premi: 11.759 atleti provenienti da 162 Paesi hanno preso parte alle gare, dandosi battaglia per 351 medaglie in 27 discipline sportive.
©Sputnik/Sergey Guneev/Cremlino di Kazan
Cosa vedere
Il Cremlino di Kazan non è solo il simbolo della città, ma un intero insieme di monumenti ed opere architettoniche, storiche ed archeologiche che rivelano la lunga storia della città. Qui si trovano le rovine della prima (XII-XIII secolo), seconda (XIV-XV secolo) e terza (XV-XVI secolo) fortificazione, così come il Cremlino in pietra bianca.

Il complesso è incluso nell'elenco del patrimonio mondiale dell'UNESCO.
©Sputnik/Maksim Bogodvid/Torre Sjujumbike
Nel territorio del Cremlino di Kazan si può vedere la Torre Sjujumbike a 7 piani. Insieme alla famosa Torre di Pisa, è tra le torri pendenti, dal momento che è molto sbilanciata nella parte nord-orientale. L'ultima deviazione registrata della sua spire dalla verticale è di 1,98 metri.

La data esatta della costruzione della torre è sconosciuta, così come la storia della sua origine.
©Sputnik/Maksim Bogodvid/Moschea Qol-Şärif a Kazan
Nel Cremlino di Kazan si può vedere una delle più grandi moschee d'Europa, Qol-Şärif. Si tratta di una copia identica della storica moschea distrutta nel XVI secolo durante una tempesta che si era abbattuta nella città. In quell'epoca Qol-Şärif serviva anche come centro per l'istruzione religiosa e lo sviluppo delle scienze nella regione del Medio Volga.

La moschea ha ricevuto questo nome in onore dell'ultimo imam che capeggiò la difesa di Kazan.
La cupola di Qol-Şärif è decorata nello stile della corona di Kazan dei principi tatari, preparata a metà del XVI secolo dopo la conquista di Kazan.

La moschea è stata ricostruita nell'anniversario dei mille anni della città nel 2005. I lavori di costruzione sono stati ripagati dalle numerose donazioni ed offerte fatte dai cittadini di Kazan. Secondo varie fonti, più di 40 mila cittadini hanno versato il loro contribuito per la ricostruzione della moschea.
1. ©Sputnik/Maksim Bogodvid/Ragazzo osserva il plastico della moschea Qol-Şärif nel museo del Cremlino di Kazan
2. ©Sputnik/Konstantin Chalabov/Moschea Qol-Şärif a Kazan
3. ©Sputnik/Maksim Bogodvid/Il più grande Corano stampato al mondo dal peso di 800 kg, preparato da maestri italiani appositamente per il Tatarstan
4. ©Sputnik/Maksim Bogodvid/Corano interattivo nella moschea Qol-Şärif nel museo del Cremlino di Kazan
Nel 1726, al posto della locale chiesa in legno, a Kazan è stata eretta la Cattedrale di Pietro e Paolo. Secondo la leggenda, la chiesa è stata costruita grazie agli sforzi di un mercante e produttore di vestiti di Kazan. Alcuni anni prima lo zar russo Pietro il Grande si era fermato a casa sua ed aveva celebrato il 50° compleanno. In onore di questo memorabile evento aveva deciso di costruire una cattedrale.

Gli abitanti locali chiamarono la chiesa "Giardini sospesi di Kazan", per lo stucco che decorava le sue mura. Il luogo di culto ha subito molti restauri e ricostruzione, dal momento che si sono registrati diversi incendi. Ciononostante i custodi del tempio riuscirono a conservare la sua decorazione principale: un'iconostasi di 25 metri x 9, oltre a diverse altre icone importanti.

Il Palazzo degli agricoltori, ora sede del Ministero dell'Agricoltura della repubblica del Tatarstan è diventato un punto di riferimento moderno di Kazan. L'edificio si trova vicino al Cremlino di Kazan.
1. ©Sputnik/Roman Kruchinin/Il Palazzo degli agricoltori a Kazan
2. ©Sputnik/Maksim Bogodvid/Cattedrale di Pietro e Paolo a Kazan
3. ©Sputnik/Maksim Bogodvid/Centro della famiglia "Kazan"
4. ©Sputnik/Maksim Bogodvid/Tempio di Tutte le Religioni
Non meno attenzione attira il centro della famiglia "Kazan", la cui forma rispecchia una delle leggende sull'origine del nome Kazan. Inoltre il calderone in rame simboleggia l'abbondanza e la fertilità.

E' interessante notare che il calderone di questo ufficio insolito dell'anagrafe (ZAGS) è decorato in bassorilievi in metallo con leopardi alati e draghi e ad un'altezza di 32 metri c'è un punto di osservazione panoramico che regala ai visitatori un'impressionante vista sulla città.

Al confine della città, nel villaggio di Staroye Arakchino, si può vedere una costruzione insolita, il Tempio di tutte le religioni, noto anche come Centro Culturale Internazionale di Unità Spirituale. Nel complesso coesistono elementi di una chiesa ortodossa, di una moschea musulmana, di una sinagoga ebraica e di una pagoda. Tuttavia all'interno del centro non si svolgono cerimonie e funzioni religiose: l'autore l'ha concepito come simbolo dell'unità delle religioni, delle culture e delle civiltà.
©Sputnik/Maksim Bogodvid/Kazan Arena
Kazan Arena
Il 29 settembre 2012 è stato annunciato che Kazan avrebbe ospitato le partite dei Mondiali 2018 di calcio.

La Kazan Arena è un impianto sportivo a quattro anelli con circa 45mila spettatori; è stato costruito per l'Universiade nel 2013. È il primo stadio di calcio in Russia costruito per i Mondiali. Dall'alto assomiglia ad un giacinto d'acqua.

Qui si sono svolte le cerimonie di apertura e chiusura delle Universiadi e importanti manifestazioni sportive, come nel 2015 i Campionati Mondiali di Nuoto. Allora dallo stadio era stato rimosso il campo di gioco ed erano state installate due grandi piscine. Dopo questi eventi, la Kazan Arena è tornata ad essere un campo di calcio: nell'ottobre 2015 nella prima partita si sono incontrati il Rubin Kazan e la Lokomotiv Mosca.

Nel 2017 lo stadio ha ospitato numerose partite della fase a gironi della Confederations Cup 2017. Inoltre si è disputata la prima semifinale del torneo in cui si sono affrontate le nazionali del Portogallo e del Cile.

Oltre alle partite di calcio e agli eventi sportivi, la Kazan Arena ospita diversi concerti ed eventi culturali di massa.
©Sputnik/Vladimir Astapkovich/Kazan Arena. Vista dall'interno
Come arrivare
In aereo: l'aeroporto di Kazan si trova a 26 km dalla città ed è uno dei maggiori aeroporti internazionali della Russia: è servito dalle maggiori compagnie aeree internazionali ed ha diversi collegamenti.

In treno: nella città ci sono due stazioni ferroviarie, Severny e Zentralny, che collegano Kazan con il resto della Russia. Da Mosca ci vogliono 12 ore e mezza, da San Pietroburgo poco meno di un giorno.

In autobus: è possibile raggiungere Kazan da Mosca in 15 ore e da San Pietroburgo in più di un giorno.
Made on
Tilda